20 marzo 2021

Mentre il mondo diplomatico rilascia continue dichiarazioni di condanna (e null’altro), in Myanmar continuano le proteste e purtroppo anche le violenze. Il conto delle vittime di oggi causate dall’esercito per ora è di sette, tra cui Aung Kaung Htet, un ragazzo di 15 anni a Thaketa (Yangon) e Daw Malar Read more…

18 marzo 2021

Un incendio nel campo profughi Tain Nyo a Mrauk U (Rakhine State) ha distrutto quasi la totalità delle abitazioni, lasciando oltre 2000 persone senza tetto. Il Myanmar è un Paese in cui erano presenti già molti problemi, come le condizioni estreme in cui diverse minoranze etniche sono costrette a vivere, Read more…

16 marzo 2021: isolati dal mondo

A causa del blocco di internet è difficile ottenere/verificare le notizie. Nelle ultime 24 ore il flusso di informazioni è notevolmente calato. La situazione appare comunque ancora critica. Dopo l’imposizione della legge marziale, diversi cittadini stanno lasciando Yangon. La legge marziale prevede la sospensione dei tribunali civili. Sotto la guida Read more…

15 marzo 2021

Il regime ha annunciato la legge marziale in 6 distretti di Yangon, Hlaing Thar Yar, North e South Dagon, Shwe Pyi Taar, Dagon Seikkan e North Okkalapa. Si tratta di distretti dove abita principalmente la classe operaia. Sospesi quindi i tribunali ordinari, prende il controllo il tribunale militare sotto la Read more…

14 marzo 2021 massacro a Hlaing Thar Yar

E’ difficile descrivere l’orrore di oggi. Hlaing Thar Yar (tradotto: luogo pieno di felicità) è un distretto industriale di Yangon. Da lì il 6 febbraio partirono le prime proteste organizzate dai sindacati contro il colpo di stato (ne abbiamo parlato qui https://ciaomyanmar.com/2021/03/14/gli-eroi-non-lavorano-cdm-il-movimento-di-protesta-in-myanmar-2/). Si tratta di un distretto molto povero, dove Read more…