11 marzo 2021

Sembra essere una strategia premeditata. Ad ogni notizia relativamente positiva per il popolo birmano (vd. condanna del consiglio di sicurezza ONU di ieri), segue una risposta brutale dell’esercito. Almeno 17 oggi i morti, di cui 6 solo a Myaing piccola cittadina nella regione di Magwe. Lo scopo sembra quello di Read more…

10 marzo 2021

Cina e Russia condannano fortemente le violenze dell’esercito birmano contro i manifestanti, unendosi agli altri stati delle Nazioni Uniti. Ancora nulla di concreto quindi. E ancora non viene ancora definito “colpo di Stato” (probabilmente a causa dell’opposizione proprio di Cina e Russia), ma si tratta di un piccolo passo avanti Read more…

9 marzo 2021

Nuova giornata di manifestazioni, nuovi episodi di brutalità. A Myeik almeno 50 giovani sono stati arrestati e torturati. Le immagini delle torture subite sono troppo forti per essere pubblicate. Tra gli arrestati anche Mg Yu Py, noto poeta, di cui si sono perse le tracce dopo l’arresto. A Dawei la Read more…

8 marzo 2021

È sciopero generale. Rimangono chiuse anche la banche nonostante gli inviti del regime. Tra queste chiusa anche KBZ storicamente vicina al regime militare. Segno che il governo militare non ha il controllo del Paese. Diversi gli incidenti anche oggi. Tre i morti, due a Myitkyina (Kachin State) ed uno a Read more…

7 marzo 2021

I proiettili arrivano anche a Bagan, patrimonio dell’UNESCO e cuore spirituale del Paese. Ferito un giovane ragazzo dal posto. Viene restituito senza vita il corpo di U Khin Maung Latt, membro dell’NLD. Era stato arrestato il giorno precedente. Presenta segni di tortura. Il Tatmadaw prende possesso di numerosi ospedali e Read more…

6 marzo 2021

Continuano le proteste e la dura repressione da parte dell’esercito in tutto il Paese. In queste ore diverse le segnalazioni di arresti “notturni” di manifestanti, membri del CDM e membri del partito NLD. Si tratta di vero e proprio terrorismo, e un’intera nazione ne è vittima quotidianamente. Sono quasi 1500 Read more…

5 marzo 2021

Le proteste non si fermano in Myanmar, nonostante ogni giorno purtroppo si registrino vittime. A Mandalay un ragazzo di 27 anni, Zaw Myo, è stato colpito dall’esercito. Mentre a Magway due persone sono morte attaccate da simpatizzanti dell’USDP, il partito politico fortemente legato ai militari. Importanti notizie sul fronte politico. Read more…

4 marzo 2021

Molti profili Facebook in Myanmar diventano neri, in segno di lutto per le 38 vittime di ieri. Ma nonostante tutto le proteste vanno coraggiosamente avanti. L’esercito mostra i muscoli, dispiegando anche aerei militari nei cieli di Mandalay e Yangon, smentendo i rumors (riportati anche da Cecilia Brighi di Italia-Birmania insieme Read more…

3 marzo 2021

Oggi è un giorno davvero duro per tutto il Paese. Le vittime sono 38 secondo le Nazioni Unite, ma è probabile che siano di più. A North Okkalapa, municipalità di Yangon, gli scontri più violenti, che sembra abbiano ripreso poco fa in tarda serata, interrompendo i funerali delle vittime di Read more…

2 marzo 2021

Nonostante la violenza dei giorni scorsi, le proteste non si fermano. Arrivano molte immagini da Yangon, soprattutto dalla municipalità di Sanchaung, zona multiculturale dove convivono molte etnie birmane. Si nota purtroppo la presenza sempre più massiccia di cecchini dell’esercito. A Kalay nello stato di Sagaing, ci sono stati gli scontri Read more…