Thiri è una giornalista birmana. Lavora per il New York Times e si occupa anche di diritti umani. Avrebbe avuto la possibilità di lasciare il Paese dopo il golpe, ma ha deciso di rimanere per contribuire alla Rivoluzione. La notte non dorme a casa sua per paura di essere arrestata. In questa toccante intervista ad Insight Myanmar Thiri spiega cosa si prova quando si vive in un incubo come quello birmano.

Joah
Hai detto che le cose in realtà sono peggiori di quello che stiamo leggendo sui giornali. Puoi condividere un po’ nel dettaglio cosa effettivamente intendi?

Thiri
Sì, non ci sentiamo al sicuro a casa nostra. Ogni sera, dopo le 8 di sera, ho paura. Quando arriva il buio sento che sta per succedere qualcosa e mi sto per essere arrestata. Non sai mai quando entreranno in casa tua. Per questo non vivo a casa mia e vivo in un altro posto sicuro. Ogni sera prima di andare a letto, devo nascondere i miei telefoni, li nascondo nelle scatole della mia biancheria intima, perché i soldati sono superstiziosi e non vogliono toccare la biancheria intima. Ogni notte (dopo le 8 n.d.r.) dobbiamo spegnere la luce e stare al buio per ore. A volte anche durante il giorno, quando i soldati passano, dobbiamo nasconderci e coprire le finestre in modo che non sappiano che ci sono persone all’interno. Puoi essere arrestato all’interno della tua casa e puoi essere ucciso a colpi di arma da fuoco o rimanere ferito pur restando dentro casa, perché potrebbero entrare nel quartiere e sparare a caso. Quando ci spostiamo da un posto all’altro, dobbiamo lasciare il telefono a casa e dobbiamo prepararci, perché non vogliamo essere scoperti per strada. E se andiamo in un posto torniamo a casa velocemente perché non vogliamo essere fermati. Ogni volta che scendo dall’auto non mi fido di nessuno, nemmeno delle persone normali. Se mi fissano senza motivo, penso che si tratti di informatori. Perché quella persona mi sta guardando? È davvero una sensazione di impotenza sapere che possiamo essere uccisi o essere arrestati in qualsiasi momento senza motivo. Inoltre non posso mettere i soldi in banca perché non sappiamo mai se le banche andranno in bancarotta. Quindi dobbiamo nascondere i soldi anche nelle nostre case. È difficile spiegare questa sensazione di mancanza di sicurezza. Vivo nella paura ogni singolo momento.

Joah
Dici di essere privilegiata rispetto alla maggior parte delle persone. Chi sono queste persone che non hanno i privilegi che hai tu? Perché sono più vulnerabili?

Thiri
Ci sono persone, specialmente nelle aree suburbane. Si tratta di operai, vivono negli slum, non possiedono la casa. Si trovano in luoghi sovraffollati e il loro reddito è inferiore a $ 1 al giorno. Vivono in tende, o le case possono anche non avere 4 muri, hanno 3 muri. Sono operai di fabbrica e provengono da uno stato socioeconomico inferiore e i soldati tendono a reprimere duramente queste persone. Le persone che vivono in quelle aree sono più vulnerabili perché non hanno risorse e i soldati non li trattano nemmeno come esseri umani. Possono ucciderli tutti. E anche le persone nelle aree in cui i militari hanno lanciato gli attacchi aerei. Stanno scappando dalle loro case e non hanno davvero quel tipo di privilegio che ho io.

Joah
Voglio solo saperne di più sulla natura della paura. Come si manifesta? È nello stomaco? Causa incubi? Riesce a dormire? Come si sta effettivamente manifestando quella paura per te?

Thiri
La sensazione è che il mio cuore è un cuore pesante. Ma allo stesso tempo li odio (i soldati) perché non posso far loro niente. Vedo altre persone che soffrono e non c’è niente che io possa fare per aiutare gli altri. È proprio come una specie di grande palla dentro il mio petto, tra il petto e il collo. E sta per uscire dalla bocca. Ho degli incubi, in cui vengo arrestata o vengo uccisa. Non si ha molta energia per fare nulla perché si viene sopraffatto dalla paura. E sei arrabbiato per cose che non puoi fare. Solo perché loro hanno le armi. Anche se stiamo cercando di vivere normalmente, non c’è più una vita normale. Vediamo il tramonto, vogliamo fare una foto e godercela. Ma non possiamo perché se ti beccano con una telecamera per strada possono arrestarti. Una volta ho dormito a casa di una mia amica. E poi la mattina siamo usciti per la colazione. E c’è un posto dove dobbiamo passare in cui ci sono le forze dell’ordine. È a soli due isolati di distanza, dobbiamo assicurarci che il modo in cui vestiamo non ci faccia sembrare come gente che sta andando a protestare, dobbiamo indossare i nostri vestiti di casa.

Joah
C’è qualche strategia che sei stata in grado di sviluppare mentalmente, fisicamente, emotivamente che ti ha aiutato ad affrontare alcune di queste difficoltà
?

Thiri
Vivo nella paura. Ma sono abbastanza insensibile alla situazione generale, a volte non la sento nemmeno più. Penso, chi se ne importa. Se mi uccidono, mi uccidono. Ma combatterò fino al mio ultimo respiro. Non accetterò mai di vivere sotto il regime, piuttosto morirei senza provare più la paura. Odio la paura. Non la voglio. Quindi, invece di vivere così, preferisco fregarmene. Mi basta poter proteggere le informazioni che porto. Proteggere la sicurezza delle persone che lavorano con me, o che hanno condiviso informazioni con me, i miei amici, la mia famiglia. Davvero non mi interessa di me stessa. Ogni mattina, quando mi sveglio, desidero che questo sia solo un sogno. E che tutto possa essere finito. Questo è quello che desidero. Sto perdendo i miei amici, molti di loro se ne sono già andati nella giungla per unirsi alle forze armate di resistenza e molti dei miei amici sono stati arrestati. Molte persone vengono uccise, e non so mai se sarò la prossima o se i miei cari saranno i prossimi. Credo che vinceremo perché meritiamo di meglio. Sicuramente vinceremo. Ma non sono sicura di quanti di noi sopravviveranno per assistere alla vittoria. Potrei non essere lì per vederla. Molti dei miei amici potrebbero non esserci.

Joah
Sì, grazie per avere condiviso queste parole davvero toccanti. Sai, è difficile sapere cosa rispondere. È la sensazione di tale impotenza, rabbia e dolore. Non so cosa dire tranne che ci sono molte persone fuori dal tuo paese in questo momento che stanno usando tutto il loro tempo e le loro risorse per essere potervi aiutare in ogni modo possibile.

Thiri
Lo apprezzo davvero. Ho avuto la possibilità di lasciare il paese. In realtà, ho ottenuto un visto. Ho ottenuto il visto statunitense e anche il visto thailandese, ma ho deciso di restare. Perché non posso sopportare quel senso di colpa di chi sopravvive. Ho parlato con un mio amico e il fatto di essere ancora qui potrebbe non essere d’aiuto, ma essere qui per me è una forma di speranza e solidarietà. Perché se me ne andassi, i miei amici e i miei compagni penserebbero “lei dubita della nostra vittoria, è per questo che se n’è andata?”. Non voglio dare loro un segnale sbagliato. Ecco perché continuo a restare il più a lungo possibile. Non voglio dire nulla di negativo sulle persone che se ne vanno. Penso che chiunque dovrebbe sopravvivere. La sopravvivenza stessa è una vittoria per me. Perché non possono ucciderci tutti. Se qualcuno di noi sopravvive, dentro o fuori dal Paese, questa è già una vittoria.

Joah
E quindi per il pubblico internazionale che sta ascoltando, come può aiutare?

Thiri
Almeno per me, con la speranza e solidarietà. È importante sapere che le persone non ci dimenticano. Quindi, condividete informazioni su di noi. Questo ci aiuta a continuare. Non trattate la nostra sofferenza come una sorta di lettura da tavolo a colazione. Non vogliamo che la nostra sofferenza svanisca. Perché siamo essere umani, e abbiamo bisogno di aiuto. Siate solidali con noi e continuate a sostenerci.

Tradotto e pubblicato su gentile concessione di Insight Myanmar .

Il podcast originale con l’intervista in inglese: https://insightmyanmar.org/complete-shows/2021/4/29/episode-49-literally-a-nightmare-scenario

Insight Myanmar è diventata anche un’organizzazione no profit sotto il nome di Better Burma. Se volete contribuire alla causa birmana, potete donare attraverso PayPal, carta di credito, Gofundme, Patreon, Venmo e Cashapp qui: https://www.betterburma.org/donation


0 Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *