4 febbraio 2021, le prime proteste a Mandalay guidate dal Dott. Tayzar San. All’inizio molti pensavano fosse una finta protesta

===100 GIORNI DI RIVOLUZIONE IN MYANMAR===
A che punto siamo dopo più di 100 giorni dal colpo di stato?


–IL REGIME MILITARE–
Quando il 1 ° febbraio il Tatmadaw organizzò il colpo di stato, il generale Min Aung Hlaing probabilmente pensava che le cose si sarebbero stabilizzate in breve tempo. Dopo più di 3 mesi, il regime militare non ha alcun controllo legittimo sul paese e non ha alcun supporto interno. Ha formato il SAC (Consiglio per l’amministrazione della sicurezza) che ora governa utilizzando la forza e la violenza.

–MOVIMENTO PRO-DEMOCRATICO–
La strategia del movimento attualmente si basa su 4 pilastri:


1. NUG: dal colpo di stato, le forze democratiche hanno lavorato per trovare unità per opporsi al regime. Ad aprile è stata dichiarata l’abolizione della Costituzione del 2008 (che ha fortemente favorito i militari) e pubblicata una Carta per la democrazia federale. Successivamente è stato formato il National Union Government (NUG). Il NUG ora afferma di essere il governo legittimo, anche se la maggior parte dei suoi membri è attualmente in fuga o si nasconde dal SAC. NUG sta cercando il riconoscimento internazionale, ma sarà fondamentale avere un chiaro controllo del territorio soprattutto nell’area centrale.

2. Proteste: dopo le prime settimane a cui hanno partecipato milioni di persone, le proteste si sono trasformate in proteste flash, con meno persone, per evitare la repressione violenta da parte dei militari. Guidate dalle giovani generazioni, sono stati in gran parte pacifiche e sono state in grado di attirare l’attenzione del pubblico. Ci sono state molte iniziative creative ampiamente condivise nei social. Il boicottaggio dei prodotti legati alle società di proprietà militare è una di queste.


3. Movimento di disobbedienza civile (CDM): dall’inizio del colpo di stato, i medici si sono rifiutati di lavorare sotto il regime. Successivamente si sono raggiunte varie categorie di dipendenti pubblici e del settore privato. Alcuni stimano che circa il 70% dei lavoratori del governo abbia aderito al CDM. L’obiettivo è quello di non lasciare che il regime riesca a far funzionare il governo.


4. Forze di difesa come PDF (People defence Forces) e EAO (organizzazioni armate etniche): in seguito alla brutale violenza nei confronti di civili innocenti, la necessità di proteggere le aree centrali del Myanmar ha costretto NUG a creare il PDF. Nelle regioni etniche, gli EAO combattono da decenni contro la giunta. La maggior parte di loro ha deciso di sostenere il movimento democratico. Molti chiedono la creazione di un esercito federale.


–CONFLITTI–
Alcuni osservatori stranieri fanno paragoni con la Siria. Al momento le due situazioni sembrano abbastanza diverse, con un intervento straniero ancora molto improbabile. Ma analogamente alla Siria, le cose potrebbero degenerare rapidamente. Il Myanmar ospita le guerre civili in corso più lunghe al mondo. Dopo il colpo di stato, gli scontri sono ripresi in molte zone, soprattutto nel Kachin, Karen e Chin State dove i Tatmadaw ha portato vari attacchi aerei. Migliaia di persone hanno dovuto lasciare i propri villaggi. Nello Stato Shan si sono verificati scontri tra TNLA e SSA-S. Sono apparse nuove forze armate, ad esempio in Sagaing e a Myingyan (Mandalay), sebbene armato solamente di fucili fatti in casa. Molte esplosioni sono state segnalate nelle città, soprattutto a Yangon. Le proteste sono diventate meno frequenti.Insieme agli EAO tradizionali, una nuova forza armata è stata creata dal NUG: il PDF (People Defense Force). Le persone che desiderano aderirvi, si sono recate nelle zone di confine per ricevere l’addestramento militare da parte di gruppi armati etnici. Ora la maggior parte delle città ha una presenza PDF, spesso armata di farmi artigianali.

Image
Mappa dei conflitti recenti. Credit: Nathan Ruser

C’è speranza di vedere più soldati Tatmadaw disertare. Alcuni stimano che circa il 70% dei soldati sia disposto a disertare, ma non è in grado di farlo a causa di problemi di sicurezza. Molti soldati hanno famiglie che vivono in complessi militari e i loro movimenti sono limitati. Lasciare l’esercito sarebbe molto rischioso per loro. Ci sono state più defezioni da parte di soldati senza famiglia, specialmente nelle aree di confine, poiché è più facile per loro raggiungere le regioni sotto il controllo dell’EAO e ottenere protezione.

KIA e KNLA sono stati molto attivi nella lotta contro il regime. Anche l’AA (Esercito Arakan) ha preso parte ad alcune operazioni contro il regime. Anche se non ha appoggiato pienamente il NUG e seppur ci siano state pochissime proteste in Rakhine, questa è probabilmente una manifestazione dell’approccio pragmatico dell’Arakan Army. All’inizio del colpo di stato l’ANP (Arakan National Party) ha collaborato con il regime militare, ma recentemente il suo presidente Tha Tun Hla ha detto che potrebbe porre fine alla collaborazione.


–ECONOMIA–
Dopo un anno di pandemia Covid, c’era un po’ di ottimismo in Myanmar per una rapida ripresa, la Banca Mondiale aveva previsto che l’economia del Myanmar sarebbe cresciuta di quasi il 6% nel 2021. L’economia post-golpe è in caduta libera e la Banca Mondiale prevede ora una contrazione del 10% nello stesso periodo. Il CDM dei lavoratori in sciopero è stato molto efficace nel paralizzare le banche, la logistica e altri settori. Ciò ha un costo enorme per i cittadini del Myanmar. Nel 2020 l’83% delle famiglie del Myanmar ha riferito che i propri redditi si sono dimezzati a causa della pandemia Covid. Dopo il colpo di stato il World Food Programme stima che il numero di persone che dovrà assistere nei prossimi mesi triplicherà e raggiungerà i 3,3 milioni.

La mancanza di liquidità e di fiducia nelle banche sta sconvolgendo l’economia. Le banche sono per lo più chiuse o lavorano con orari ridotti. Ricevono meno depositi e più richieste di prelievo. Si teme che le banche falliscano, quindi anche alcune aziende non depositano più denaro. Le persone formano lunghe file ogni giorno per prelevare con un limite di 200 usd, ma gli sportelli automatici esauriscono rapidamente i contanti. In alcuni casi le persone pagano fino a 20.000 mmk (13 usd) per “saltare la fila” e avere maggiori possibilità di prelevare. Le persone senza bancomat devono prendere appuntamento e spesso devono aspettare fino a due settimane. Alcuni dipendenti della banca chiedono un “contributo” per ottenere la priorità. L’online banking è stato ripristinato, ma la situazione non è cambiata. I trasferimenti di denaro comportano una commissione costosa (fino al 14%) e sono spesso pagate sia dal mittente che dal destinatario. Il valore del Myanmar Kyat sta toccando il minimo storico. Prima del 1 febbraio 1 USD valeva 1330 MMK, oggi (15 maggio) 1 USD vale 1560 MMK. Accedere a prestiti bancari è molto difficile in questo momento e molte persone devono fare affidamento su prestiti privati, che sono molto comuni in Myanmar. Di solito gli interessi per tali prestiti si aggirano intorno al 2% – 6%, ma dopo il colpo di stato, poiché i rischi di insolvenza aumentano, alcuni chiedono il 10% o addirittura il 20%.

cambio MMK/USD, con il crollo verticale dopo il colpo di Stato

Il boicottaggio è un altro potente strumento che le persone utilizzano per danneggiare le tasche dei generali. Molti prodotti e servizi in Myanmar sono legati ad alti ranghi dell’esercito o ai conglomerati militari MEHL e MEC. La società giapponese Kirin, che è partner di Myanmar Brewery (controllata dall’esercito), ha dichiarato che Myanmar Beer ha perso metà delle sue entrate nel primo trimestre. Le persone boicottano persino la lotteria, uno dei passatempi nazionali. Il governo è stato costretto a ridurre e rimandare i premi.


–ASSISTENZA SANITARIA–
La maggior parte dei medici e degli infermieri si sono uniti al CDM e sono spesso sotto pressione e presi di mira dalla giunta. Sono frequenti le notizie di personale medico arrestato e perseguitato. I pochi medici / infermieri che non hanno aderito al CDM, lavorano moltissime ore in condizioni di stress e sono soggetti a punizioni sociali da parte del movimento per la democrazia. Alcuni medici si dimettono per evitare di essere presi di mira sia dal regime che dai manifestanti. Continuano a lavorare privatamente, spesso realizzando un profitto maggiore di prima. Le morti causate dal crollo del sistema sanitario non vengono riportate, ma sono un sicuro effetto collaterale di questo colpo di stato. La combinazione di ospedali pubblici che non funzionano correttamente e la crisi economica è pericolosa soprattutto per le famiglie a basso reddito che non hanno opzioni per ottenere alcun trattamento. Al momento non ci sono test Covid e le vaccinazioni sono sospese.

–FORMAZIONE SCOLASTICA–
La maggior parte degli insegnanti si è unita a CDM. Centinaia di loro sono stati licenziati dal regime. Un fenomeno molto interessante è il neonato movimento studentesco che chiede il boicottaggio dell’istruzione sotto il regime militare. Sarà interessante vedere cosa succederà quando le scuole riapriranno a giugno.

Students, protesting military rule, pose in a classroom setting while smeared with red paint to symbolise the blood of protesters slain by the junta. (Supplied)
protesta studentesca contro l’educazione del regime militare

–TRASPORTO–
A causa di problemi di sicurezza e dei prezzi del carburante, le persone non viaggiano liberamente come prima. Sono ripresi alcuni voli interni.

–MEDIA–
Il regime ha revocato le licenze a quasi tutti i media indipendenti. Gli uffici delle testate giornalistiche più popolari sono stati perquisiti. Secondo l’AAPP, in questo momento sono detenuti oltre 50 giornalisti, incluso un cittadino giapponese che è stato appena rilasciato. La giunta ha anche ordinato di rimuovere tutte le antenne paraboliche (1 anno di carcere e 320 usd di multa per i trasgressori). MRTV e MWD controllati dallo stato sono gli unici canali televisivi che trasmettono notizie. Le testate giornalistiche ora operano dall’estero, in particolare dalla Thailandia. 3 giornalisti della DVB sono stati recentemente arrestati a Chiang Mai e sarà interessante vedere se la Thailandia li farà rimpatriare.

–INTERNET–
L’accesso a Internet è fortemente limitato. Internet mobile e Wi-Fi pubblici sono stati bloccati da oltre 60 giorni. Recentemente alcuni utenti hanno segnalato che Internet mobile funziona per app limitate (mobile banking). Internet fibra FTTH, utilizzato solo dallo 0,5% della popolazione, è l’unico collegamento funzionante. L’accesso ai social media popolari come Facebook e Twitter è vietato. Solo l’uso di una VPN può aggirare il divieto. Circolano voci di una intranet in stile nordcoreano. Se realizzato, ai cittadini verrebbe consentito solo accedere a una “lista bianca” di siti Web e servizi scelti dal governo, senza poter accedere al resto di Internet, anche con una VPN. Le forze di sicurezza spesso i controllare i telefoni dei giovani. Se viene trovata qualche prova di “resistenza al regime” (come foto o messaggi), rischiano l’arresto.

Image
L’andamento della connessione internet fissa e mobile. Oltre il 90% della popolazione si affida a connessione mobile

–AFFARI INTERNAZIONALI–
In 3 mesi la risposta della comunità internazionale al colpo di stato è stata debole:

-il Consiglio di sicurezza dell’ONU è lontano da una risoluzione. Le minacce di veto di Russia e Cina sembrano bloccare ogni tentativo di andare oltre le dichiarazioni

-L’ASEAN ha organizzato il 24 aprile un vertice dedicato alla crisi del Myanmar. Tutti i paesi hanno concordato un piano di 5 punti, ma il generale Min Aung Hlaing non li ha rispettati. Finora non ci sono state reazioni da parte dell’ASEAN. Paesi come la Thailandia e il Vietnam sono molto vicini al Tatmadaw e sono considerati alleati. La Thailandia in particolare sta aiutando attivamente il Tatmadaw con rifornimenti alle sue truppe, aprendo le frontiere per le operazioni militari e respingendo i rifugiati. Singapore, inoltre, ha forti interessi economici in questa regione. È difficile pensare che l’ASEAN possa essere di qualche aiuto.

-Gli Stati Uniti si sono opposti al regime dal primo giorno. Ha un’influenza limitata sul Myanmar, ma sono stati in grado di congelare 1 miliardo di dollari di cui i generali hanno cercato di prendere il controllo subito dopo il colpo di stato. Hanno inoltre imposto sanzioni ai generali e a MEHL e MEC, i due maggiori conglomerati controllati dal Tatmadaw. Non ha ancora sanzionato MOGE, la compagnia nazionale di petrolio e gas che è un’importante fonte di entrate per il governo birmano. La Chevron sta attivamente facendo pressioni per evitare tali sanzioni.

-Anche il Regno Unito si è opposto al regime con varie sanzioni. Rimane qualche perplessità su come ha reagito al dramma dell’ambasciata birmana a Londra, permettendo che il Myanmar sostituisse l’ambasciatore chiudendolo fuori dall’edificio.

-L’UE e l’Australia sono state molto deludenti. L’UE, in particolare, è stata molto lenta nell’applicazione delle sanzioni. Il gigante petrolifero francese Total è sotto esame per essere un’importante fonte di entrate per i generali. Molti hanno chiesto a Total di smettere di finanziare il Tatmadaw, ma senza alcun risultato.

-La Cina ha un approccio pragmatico ed è probabilmente aperta a trattare con chiunque possa controllare il paese e garantire stabilità. Ha enormi investimenti nel paese e i suoi legami di amore/odio con il Tatmadaw sono ben noti. Mentre questa instabilità sta sicuramente danneggiando i suoi investimenti, sembra che la Cina abbia approfittato della situazione approvando nuovi grandi progetti in Myanmar

-Giappone e la Corea del Sud sono grandi investitori in Myanmar. Finora il loro approccio è stato misto.

-L’interesse principale della Russia in Myanmar è legato alla vendita di armi, sebbene abbia anche una particolare inclinazione nel sostenere regimi autoritari

-L’India è rimasta in gran parte in silenzio e ha ordinato alle sue regioni di non accettare rifugiati. Tuttavia, Mizoram non ha seguito gli ordini e ha offerto asilo a molti CDMer. Mizoram è profondamente legato allo Stato Chin, condividendo la stessa identità etnica (Chin e Mizo).

–RELIGIONE–
Il Myanmar è principalmente un paese buddista. Molti monaci e monache si sono espressi e stanno protestando contro il regime, soprattutto a Mandalay. I monaci più influenti però non si sono pronunciati. Nelle prime settimane si vociferava che il Mahana (più importante istituzione buddista) si fosse opposto al golpe (sui social è trapelato un documento di denuncia del colpo di stato), ma poi non ci sono stati ulteriori sviluppi. Mentre i monaci di solito non parlano di affari mondani (il codice monastico Vinaya vieta di prendere parte alla politica), vale la pena notare che i monaci più influenti sono vicini ai generali. Gli alti ranghi del Tatmadaw sono grandi donatori, e c’è la convinzione che i militari stiano difendendo le tradizioni buddiste dalle influenze “occidentali” o “musulmane”. I monaci che protestano nelle strade, invece, credono di avere l’obbligo di mantenere le persone su un “sentiero giusto e morale”. Il cardinale cristiano Bo ha condannato fermamente le violenze contro i civili. Anche la comunità musulmana si è unita alle proteste. Alcuni leader politici musulmani sono stati torturati e uccisi in modi raccapriccianti, dimostrando quanto sia razzista l’intera istituzione Tatmadaw. I Rohingya hanno mostrato solidarietà al movimento da oltre confine. Ci sono alcune controversie riguardo alle passate dichiarazioni che negavano il genocidio dei Rohingya da parte di alcuni ministri del NUG. Il membro del Congresso americano Ted Lieu ha dichiarato apertamente che gli Stati Uniti non possono sostenere il NUG fino a quando non includeranno i rappresentanti Rohingya. Sebbene ci siano stati alcuni segnali incoraggianti da parte di alcuni leader dei NUG che si sono scusati pubblicamente, la strada per un ritorno dei Rohingya è ancora lunga.

Sister Ann Rose Nu Tawng kneels in front of armed police
Myitkyina: Suor Ann Rose Nu Tawng, supplica i poliziotti di fermare la carneficina. Poco dopo verranno uccisi due uomini

–VITA QUOTIDIANA–
La vita in Myanmar è cambiata drasticamente. La sicurezza è diventata una delle principali preoccupazioni. Le persone vengono rapite quotidianamente dalle forze del SAC e scompaiono. Alcuni finiscono in prigione senza un’accusa plausibile o ai sensi della sezione 505 (a) che è così vaga che letteralmente chiunque potrebbe essere arrestato. L’accesso a un avvocato e le visite familiari sono spesso negate. Gli interrogatori e le torture non sono rari e purtroppo sono state segnalate dozzine di morti causate da tali pratiche. La legge marziale è stata usata in alcune township, incluse alcune di Yangon. Le persone e le loro proprietà possono essere perquisite senza alcun mandato. Gli abusi sessuali, i saccheggi e il bullismo da parte dei soldati di Tatmadaw sono stati ampiamente documentati.

Esiste una fitta rete di informatori (“dalan” in birmano) all’interno della popolazione. Questa è un’eredità del passato che non è mai scomparsa nemmeno durante il dominio della NLD. Ogni villaggio o quartiere ha qualcuno che informa i militari / la polizia su cosa sta succedendo in una certa area.

Ad oggi l’AAPP (Assistance Association for Political Prisoners) segnala quasi 800 morti. Il numero potrebbe essere più alto, poiché molte famiglie non denunciano morti per paura di ritorsioni. Ci sono stati casi di corpi che non sono stati restituiti alle loro famiglie o che sono stati cremati senza consenso. A volte le famiglie sono costrette a firmare false dichiarazioni che esonerano i militari dai suoi crimini al fine di riavere il corpo del defunto e tenere un funerale adeguato.

Come abbiamo visto, giugno sarà interessante, poiché molti studenti si uniranno probabilmente al boicottaggio contro il sistema educativo del regime.

La vita per le classe agiate in realtà non è cambiata molto. Sui social media è comune vedere persone ricche che fanno acquisti e viaggiano, totalmente incuranti di quanto accade in Myanmar.

Sorprendentemente c’è ancora una parte abbastanza ampia della popolazione che non è a conoscenza di ciò che sta accadendo nel paese, soprattutto in alcune aree remote e isolate.

–GUARDANDO AVANTI CON OTTIMISMO–
Finché gran parte della popolazione è disposta a rendere il paese ingovernabile, il Tatmadaw non porterà mai a termine il colpo di stato. NUG, dall’altra parte, non ha controllo fisico del Myanmar. Violente repressioni come quella avvenuta di recente a Mindat (Stato Chin), mostrano i limiti del governo di unità nazionale, che non è ancora in grado di difendere i propri cittadini.Ci sono molti fattori che devono accadere e sono tutti collegati tra loro: ottenere il controllo delle amministrazioni locali, liberare alcune aree dalle forze del SAC (specialmente nel Myanmar centrale), un vero esercito federale, convincere più soldati Tatmadaw a disertare, ottenere il riconoscimento internazionale e avere accesso ai fondi.

Una sfida sarà mantenere la maggior parte delle persone interessata alla rivoluzione. Col passare del tempo, la pressione economica e il desiderio di pace e un ritorno alla “normalità” rappresenteranno una minaccia per le forze democratiche. È importante non radicalizzare troppo il movimento. Una rivoluzione popolare ha bisogno di “numeri” e sostegno da una parte molto ampia della popolazione. Il prezzo da pagare sarà alto, comunque vada, e non è detto che la maggioranza sia disposta a pagarlo.Le crepe nel Tatmadaw sono sicuramente possibili. Può sembrare un’istituzione monolitica, ma la realtà è che ci sono sempre state lotte di potere all’interno della giunta. E con le giuste condizioni, sono possibili anche defezioni su larga scala.

Se la Spring Revolution riuscirà a prendere il sopravvento, a meno che il Tatmadaw non venga completamente sconfitto, ci saranno negoziati con i generali (o alcuni di loro). L’unità di NUG verrà quindi testata e non ci sarà spazio per il fallimento. L’ unità che i diversi gruppi etnici e civili hanno trovato in questi mesi è davvero rara e può essere un’opportunità irripetibile.Il segno positivo è che dopo 100 giorni le forze democratiche non accennano ad arrendersi. Dieci anni di relativa libertà e democrazia hanno cambiato totalmente il paese. A differenza del 1988, le persone sanno cos’è la libertà e sicuramente non si arrenderanno facilmente. Qualunque cosa accada, chi è al potere dovrà fare i conti con questa nuova coscienza popolare.
Il Tatmadaw ha solo potere militare. Non possiede capacità politiche né un ampio supporto interno. Il colpo di stato ha aperto l’opportunità di porre fine a 70 anni di dittatura e spetta al popolo trarne il massimo.


#whatshappeninginmyanmar

#springrevolution


0 Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *